Condividi:

Se nella prima mezzora non capisci chi è il pollo, allora il pollo sei tu

Chissà quante volte, negli anni 60, Thomas Preston, anche detto Amarillo Slim, girando l’America per giocare a poker, deve essersi sentito il pollo.

Chi è “il pollo”?

La frase in alto è sua ed è diventata famosa dopo che Amarillo era diventato ormai campione del mondo di Poker nel 72.

Tutte quelle volte “da pollo” le avrebbe evitate volentieri. Questa frase è dedicata a tutti quelli che sarebbero venuti dopo

«Se nella prima mezzora non capisci chi è il pollo, allora il pollo sei tu.»

Questo perchè (e lo dice il campione Amarillo) anche TU puoi essere il pollo, se non lo trovi subito guardandoti intorno. E oggi NON guardarsi intorno nel tavolo del business, NON tenere d’occhio il mercato ed i concorrenti, è proprio da pollo.

Tranquillo: se ti stai guardando intorno nella stanza in cui ti trovi, sei sulla buona strada.

Come non sentirsi “il pollo”

Ogni tanto vedo imprenditori che investono in pubblicità di immagine come video spot per la loro comunicazione aziendale.

Bene, bravi. In giro ci sono dei competenti produttori a buon prezzo. Ma non è questo il punto: il problema non sono i produttori (anche loro lo sono spesso a dire il vero), il problema siete voi, che non ascoltate Amarillo Slim.

È diventata una moda, il che, per un imprenditore SERIO, è già il primo campanello di allarme. Parlare di “mode” nel 2015 nell’ambito marketing è triste (oggi il marketing è SCIENZA) ma necessario per evitare che simili disgrazie si ripetano.

Se non vuoi essere TU il pollo, impara prime le regole del business.

Fai il Login per sbloccare il contenuto o registrati gratuitamente!

L'articolo per intero è riservato solo ai leader ed agli imprenditori coraggiosi

Condividi: