Categoria: Strategie di posizionamento

A Cosa Serve La Pubblicità e come “Anche Dio ha messo campane in ognuna delle sue chiese”

A cosa Serve la pubblicità? chiede lo scettico. In Brand Diretto rispondiamo con un esempio “divino”

La citazione dell’attore Sacha Guitry non potrebbe essere più vera, sei d’accordo?

Devi sapere che non tutta la pubblicità è buona e giusta. Ne abbiamo spesso parlato a proposito della differenza tra pubblicità e marketing.

Sono sicuro che più di una volta ti sei fermato a pensare:

Ma di quale “diavolo” di marketing ha bisogno il mio business?

Web Marketing per Ristoranti: come resistere alla pandemia grazie alle consegne a domicilio da e-commerce e web marketing operativo.

In questo articolo raccontiamo alcuni dati del caso studio sul piano di web marketing per ristoranti realizzato da Brand Diretto, agenzia specializzata in web marketing operativo, per Da Dino Ristorante

Un minorenne che ha guadagnato milioni di dollari con un app

Tutti ridevano quando leggevano che un minorenne aveva guadagnato milioni di dollari con un app, ma si sono dovuti subito ricredere

Molti, a vederlo, non gli avrebbero dato un soldo bucato, ma Nick D’Aloisio da 17enne ha messo su un’app da 30 milioni di dollari.

Si chiama Summly, l’app che ti consente di avere un’anteprima della news linkate nei social e che Yahoo! ha acquistato a un prezzo da record.

Gestione del brand e della reputazione

Gestione del Brand e della Reputazione Aziendale parte seconda: C’è chi parla bene e chi parla male di te

Nella gestione del brand e della reputazione aziendale, per quanto non vogliamo ammetterlo, ogni persona se ne va in giro “preoccupata” di cosa gli altri pensano di lui.

Puoi leggere la prima parte di questa miniguida sulla gestione del brand e della reputazione aziendale qui

Il giudizio sociale è uno dei motori principali che muovono l’essere umano.

E non ci si deve far ingannare da pensieri new age o motti di orgoglio come “non mi interessa cosa gli altri pensano di me”, perché poco sono ancorati al mondo reale.

Se è vero che un leone non si preoccupa di cosa pensino di lui le gazzelle, le zebre o le pecore, è anche vero che ogni leone nel branco è preoccupato di cosa pensino di lui, GLI ALTRI LEONI.

Gestione del brand e della reputazione

Gestione del Brand e della Reputazione parte prima: C’è chi parla bene e chi parla male di te

Curioso di scoprire come migliorare la gestione del brand e della reputazione aziendali o personali?

Se sei un leader, un imprenditore coraggioso o semplicemente una persona che deve persuadere qualcun altro a fare qualcosa, continua a leggere

Sono certo che una delle tue maggiori preoccupazioni è quella di presentare te stesso.

Oppure i tuoi prodotti o servizi, tutto per dare la soluzione migliore possibile alla persona che hai davanti.

La tua idea potrebbe essere di fornire la soluzione, il prodotto o servizio:

  • con maggiore qualità,
  • più veloce,
  • con gli ingredienti migliori,
  • più performante,
  • che fa risparmiare tempo, spazio,
  • con l’assistenza migliore del mondo,
  • ecc…

Ognuno ha la sua per migliorare la gestione del brand e della reputazione aziendali o personali.

analisi dei competitor

Come creare l’azienda dei tuoi sogni grazie al metodo “Brand Diretto”, partendo dall’analisi dei competitor e anche se i tuoi prodotti/servizi contengono “olio di palma”

Dalla Giungla Selvaggia del web marketing operativo scopri perché è importante potenziare la tua azienda grazie all’analisi dei competitor.

Caro imprenditore coraggioso, qui Glenda ed oggi voglio parlarti con un esempio molto semplice, di un tema relativamente complesso: l’analisi dei competitor e del perché fa parte del metodo “Brand Diretto”.

Oggi voglio parlarti di una cosa che ti riguarda da vicino.

Prenditi due minuti, non farlo per me, fallo per te.

Voglio dirti come puoi creare l’azienda dei tuoi sogni.

Chi è che non desidererebbe infatti un’azienda che, nonostante sia in crisi il mercato in cui opera, cresce nei fatturati e nelle vendite confermando la sua leadership di mercato?

In questo articolo niente “magicabula”, parleremo di come, anche se il TUO prodotto o servizio non soddisfa appieno le tue aspettative da perfezionista, puoi realizzare il sogno di una vita:

Riuscire a fare arrivare alle stelle le vendite, nonostante il mercato sia fermo, proprio come la Ferrero con la Nutella, grazie al marketing “scientifico”

Se non sei nuovo di Operativo – Web Marketing Magazine, abbiamo già parlato dell’importanza di migliorare la gestione del brand e della reputazione aziendale in questo articolo.

In questo articolo approfondiamo un aspetto diverso a partiamo proprio da dati della Ferrero e dai fatti di cronaca che l’anno investita.

“Perché proprio come la Ferrero?”

Sì, proprio lei, dopo tutte quelle storie sull’olio di palma, la crema di nocciole più famosa al mondo, con una mossa da maestro che parte dall’analisi dei competitor, è riuscita a crescere più di quanto non ci si aspettasse.

Perché il marketing della Clinton le ha fatto perdere le elezioni e milioni di dollari nonostante avesse i creativi migliori.

I sondaggi positivi, l’appoggio di tutti i giornali americani, di tutte le star americane, gli incredibili video emozionali e la montagna di milioni di dollari spesi dalla Clinton (molti di più di quelli spesi da Trump) ci avevano fatto immaginare un altro esito delle elezioni.

Avrebbe dovuto vincere Hillary. Eppure ha vinto Trump.

Tutti i titolari d’azienda con cui ho parlato oggi tra una telefonata e l’altra si son fatti la stessa domanda:

“ma come diavolo ha fatto una persona senza esperienza in politica a battere Hillary Clinton?”

determinare-il-prezzo-di-vendita

Determinare il prezzo di vendita: Ecco cosa succede quando metti prezzi bassi ai tuoi prodotti/servizi (sopratutto agli occhi dei “nuovi consumatori informati” di oggi)

Questa devi proprio sentirla se vuoi determinare il prezzo di vendita al meglio, si tratta di un breve aneddoto che risale all’anno scorso.

L’errore più grosso che come imprenditore rischi di fare (e che “strappa a pezzettini” la tua posizione nel mercato) è il seguente:

Determinare il prezzo di vendita di prodotti e servizi pensando che il consumatore oggi sia disinformato e che puoi fregarlo come magari facevi fino a qualche anno fa.

Fino a qualche anno fa, i clienti venivano in negozio, gli “impapocchiavi” le quattro paroline “tecniche” magiche e le porte del loro portafogli si aprivano come d’incanto.

Oppure c’erano i segnali di marketing “sempre verdi” per attirare la clientela e chiudere velocemente la vendita. Il più importante di tutti? Il prezzo.

In questo articolo parliamo di un tassello specifico del tuo piano marketing, sopratutto in vista della strategia delineata per la ripartenza a Settembre.

E se ti dicessi che determinare i prezzi di vendita non funziona più così?