Categoria: Direct Branding
brand-awareness

Brand Awareness: significato, cos’è ed esempi

Caro imprenditore, quando consideriamo gli investimenti da fare in marketing e comunicazione quello sulla brand awareness è quello che genera più frustrazione.

I motivi sono tanti ma la difficoltà nella valutazione del ritorno economico è sicuramente il principale.

Per questo motivo ho cercato di contestualizzare in questa guida definitiva alla consapevolezza del marchio le azioni di brand awareness più efficaci attraverso le quali, come imprenditore, potrai fare delle valutazioni approfondite.

Vedremo come aumentare la consapevolezza del tuo marchio, avere un impatto positivo sui tuoi sforzi di marketing, sulla percezione dei consumatori e infine sulle entrate.

Web Marketing: quanto investire non dipende dal listino prezzi dell’agenzia di comunicazione, dipende dal pilota

“Scusi, posso ricevere il listino prezzi dell’agenzia di comunicazione?

Questa domanda ovvero “Quanto investire in Marketing” la riceviamo spesso e si possono dare diverse risposte.

Molte agenzie infatti sparano cifre e fee (quote, spesso mensili) molto alte che, per paradosso, possono persino essere basse e, viceversa, alcune così basse da essere alte.

Mi spiego meglio perché fortunatamente la confusione è solo apparente e la chiarezza è a un paragrafo di distanza.

Come Riattivare I Tuoi Clienti e Ottenere Risultati Subito

Anziché pensare a Riattivare i Clienti, la maggior parte delle richieste che vengono fatte in agenzia riguarda la presenza dell’azienda sui social, oppure l’acquisizione di nuovi clienti su cui abbiamo scritto un articolo dedicato.

Se pur queste attività ci devono essere e sono fondamentali per la corretta gestione dell’impresa, c’è un’attività, riattivare e rivendere a ex clienti, che non viene quasi mai presa in considerazione.

L’attività di riattivazione di un ex cliente è un’attività che ha il maggior valore positivo tra costi e benefici.

Un ex cliente ci conosce già, conosce il nostro valore, i nostri prodotti o servizi e ha già la maggior parte delle informazioni per decidere in modo consapevole un nostro prodotto o servizio.

Noi stessi abbiamo delle opportunità in più per offrire un’esperienza migliore al nostro cliente; sappiamo i gusti, le preferenze, cosa ha già acquistato e la capacità di spesa.

Grazie a queste informazioni si possono ottenere straordinari risultati quasi immediati con uno sforzo pari quasi a zero.

Un sms, una mail, avvisi in negozio, avvisi sul sito web, possono quasi gratuitamente spingere un cliente a riacquistare e ottenere subito liquidità.

In questo articolo troverai 4 tecniche per riattivare i tuoi clienti e ottenere risultati immediatamente.

La gestione delle obiezioni: come gestire il problema della procrastinazione

Quando il tuo potenziale cliente rimanda qualcosa, magari perché è stata difficile la gestione delle obiezioni che ti ha rivolto, è molto probabile che quella cosa non la farà mai.

Per questo motivo è importantissimo gestire le obiezioni del cliente affinché non rimandi.

Cerchiamo quindi di capire cosa vuol dire procrastinare.

Ho progettato questo articolo in un modo particolare: spesso infatti la difficoltà principale di un imprenditore è quella di uscire dal proprio bisogno per entrare nel bisogno del potenziale cliente.

Non vendi mai col tuo bisogno in testa, vendi sempre al bisogno del tuo cliente.

Per questo motivo ho deciso di scrivere questo articolo partendo da una sensazione che ti riguarda e mostrandoti come ci si trova a gestirla dal punto di vista del venditore.

In altre parole esplorerò la procrastinazioni a livello individuale, parlando a te lettore e mostrando come ti senti e come dovresti gestire questo fenomeno.

Solo dopo ti mostrerò come gestirlo quando di questo fenomeno fanno esperienza gli altri.

Di questo aspetto abbiamo recentemente parlato in Operativo, in particolare in un altro articolo sulle abitudini che trovi qui

Piano Marketing Pizzeria D’asporto: Storia di una pizzeria che è diventata qualcosa di più

Salve imprenditore e benvenuto in questo terzo caso studio, un piano marketing pizzeria d’asporto che presentiamo in Operativo Web Marketing Magazine, dove applicherò quello che ho imparato dalla creazione degli altri due casi studio.

Mi sono accorto che, quando selezionavo un caso studio di Brand Diretto, ne selezionavo sempre uno molto “vecchio” ( recentemente ho fatto uno strappo a questa regola)

Questo caso studio per esempio nasce circa 5 anni fa, l’inizio della nostra collaborazione con Massimo Ficicchia di O’sciality – Pizza Quality.

Questa scelta apparentemente inconsapevole in realtà è corretta perché qualsiasi agenzia che si affaccia anche di striscio al web marketing operativo dovrebbe raccontare casi studio solo dopo che i dati si sono cementificati.

Affinché ciò avvenga a mio parere sono necessari almeno 3 anni in media di attività continuata in web marketing operativo.

Solo chi ha iniziato da questa specializzazione e non si è mosso da essa, può quindi avere dei casi studio validati.

Tutto il resto è pubblicità

Dopo averti quindi raccontato perché dovresti continuare a leggere, possiamo quindi parlare seriamente del nuovo caso studio.

Operativo Magazine

Numeri pubblicati