Fermiamoci un secondo dal lavoro quotidiano (che non succede nulla) ed immaginiamo insieme di essere delle aquile.

Sarebbe fantastico appollaiarsi sul picco di una montagna innevata, volare alto in cielo, sopra le foreste, sopra i fiumi dai quali procacciarsi il cibo, liberi di cacciare.

Aguzziamo la nostra super vista ed individuiamo la preda, ci precipitiamo in picchiata, apriamo gli artigli e…

Il pesce scappa.

Torniamo nella realtà.

I leader e gli imprenditori coraggiosi sanno che questo può succedere, anzi succede tutti i giorni.

L’obiettivo di marketing non è sempre facilmente raggiungibile.

Questo accade quando, in maniera frettolosa, si scelgono azioni di marketing Spot rispetto ad azioni di marketing continuative e posizionanti.

In parole povere: non siamo abituati a fare marketing continuamente.

Arriva l’estate? Faccio un video. Arriva l’inverno? Faccio della cartellonistica.

Nella fretta ci si dimentica sempre qualcosa: sappiamo che il marketing deve stimolare un emozione, ma ci fermiamo senza monetizzare questa emozione.

Facciamo l’esempio del video pubblicitario

Fai il Login per sbloccare il contenuto o registrati gratuitamente!

L'articolo per intero è riservato solo ai leader ed agli imprenditori coraggiosi